salva_btn

I luoghi dei grandi scienziati italiani

Bologna

I luoghi dei grandi scienziati italiani

L’Italia è uno dei paesi con il maggior numero di monumenti storici e artistici, una bellezza che ha ispirato anche il parco dell’Italia in Miniatura. Ma il Bel Paese possiede un’altra ricchezza fondamentale: le scoperte scientifiche, legate indissolubilmente alle città italiane e agli scienziati che le abitarono.

Pisa e la nascita della fisica moderna

La città della Torre pendente è famosa anche per un’altra ragione: Galileo Galilei. Tra i numerosi studi e scoperte, allo scienziato pisano dobbiamo anche l’utilizzo innovativo del cannocchiale, uno strumento che si rivelò fondamentale per le scoperte astronomiche del Seicento.

Pisa fu anche protagonista di un famoso esperimento scientifico: come riportato da un suo allievo, lo scienziato sperimentò le sue ipotesi lasciando cadere corpi diversi proprio dalla cima della Torre di Pisa. Con la cosiddetta “caduta dei gravi”, nacque la fisica moderna.

Scoperte all’Università della Sapienza

Originario di Roma, dove tra l’altro fondò la prima cattedra di Fisica teorica all’Università della Sapienza, nella città toscana soggiornò anche il fisico Enrico Fermi, che studiò alla Normale di Pisa.

Proprio alla Sapienza si svolge uno dei suoi più importanti esperimenti, che porterà alla scoperta del ruolo del rallentamento dei neutroni nell’energia nucleare. Il blocco di paraffina utilizzato per l’esperimento è ancora oggi conservato al Dipartimento di Fisica dell’università romana.

L’invenzione della pila a Como

Spostiamoci un po’ più a nord, per la precisione a Como. Qui nasce Alessandro Volta, ingegnere e fisico italiano a cui dobbiamo invenzioni e scoperte che hanno cambiato la nostra vita quotidiana. Operazioni che diamo per scontato, come accendere la luce o utilizzare il metano per scaldarci, oggi non sarebbero possibili senza il lavoro di Alessandro Volta.

 

I suoi studi lo condussero all’invenzione della prima pila elettrica, nel 1799. In onore dello scienziato comasco, l’unità di misura della differenza di potenziale elettrico è chiamata Volt in tutto il mondo. In occasione del primo centenario della morte di Alessandro Volta, nel 1927 nasce il Tempio Voltiano a Como. Un percorso museale ricco di cimeli voltiani, per celebrare una figura così importante da dare il volto anche alle vecchie 10.000 lire. Anche il parco Italia in miniatura omaggia Alessandro Volta, con la riproduzione in scala del Tempio Voltiano, in stile palladiano.

A Bologna si comunica… senza fili

A Bologna nasce il padre della telegrafia senza fili, Guglielmo Marconi. Fallito il tentativo di entrare all’Accademia Navale di Livorno, il futuro scienziato decide di abbandonare gli studi.

Così, nel 1894 inizia gli esperimenti sulle onde elettromagnetiche, capaci di viaggiare nell’aria e nel vuoto senza fili. Perfezionando sempre di più le sue scoperte, Marconi inventa il telegrafo senza fili, brevettato nel 1896. Fondamentale per invenzioni successive - come radio e televisione - il lavoro di Marconi fu premiato con riconoscimenti internazionali, tra cui il Nobel per la Fisica nel 1909.

polaroid Bologna
Bologna

gallery foto gallery

Benvenuti nel mondo Costa - Parchi Edutainment

Vieni in Romagna
APT servizi

© 2015 Costa Edutainment S.p.a. - Tutti i diritti riservati - CF/P.IVA 03362540100 REA: GE-337946 - Capitale sociale: € 4.457.097,33 Note legali | Privacy | Tel.: +39.0541.736736 | Fax +39.0541.732203 | Credits