salva_btn

Quando cadde la sfera della cupola del Duomo: 3 eventi incredibili accaduti a Firenze

Firenze

Quando cadde la sfera della cupola del Duomo: 3 eventi incredibili accaduti a Firenze

Infiniti sono gli aneddoti che vedono protagonista la culla del Rinascimento. I più curiosi riguardano proprio i suoi splendidi monumenti, che potrai scoprire nel Parco Italia in Miniatura. Per prepararti alla visita, ti raccontiamo tre incredibili fatti avvenuti nella bella Firenze.

La caduta della sfera

L’inimitabile opera del Brunelleschi è sovrastata da una sfera dorata, realizzata da Andrea del Verrocchio. La sontuosa sfera venne collocata in cima alla cupola attraverso un'operazione complessa, alla quale probabilmente partecipò anche Leonardo da Vinci.  

Non tutti sanno, però, che la sfera cadde per ben due volte: la prima nel 1492, mentre la seconda caduta avvenne in seguito ad un violento temporale nel 1600. Durante la notte un fulmine colpì la sommità della cupola, facendo cadere a terra due tonnellate di materiale e diciotto quintali della sfera con la croce. Nessuno venne colpito, ma il frastuono si propagò per tutta la città.

A ricordare l'episodio della fragorosa caduta rimane oggi una lastra di marmo bianco, collocata dietro la cattedrale sul selciato di pietre grigie nel punto in cui la sfera venne giù.

Colonne pisane sul Battistero fiorentino

Dedicato al patrono della città, il Battistero si trova in piazza San Giovanni, di fronte alla cattedrale di Santa Maria del Fiore. Di fianco alla porta è possibile osservare due colonne in porfido spezzate a metà: si tratta di due antichi doni offerti dalla città di Pisa a Firenze, in segno di riconoscenza per l'aiuto ricevuto nella battaglia contro Lucca nel 117. La leggenda racconta che, originariamente, le due colonne fossero in realtà lucenti come specchi.

Per sdebitarsi del dono ricevuto, i fiorentini organizzarono una grande festa, che venne però interrotta quando, scoperte le due colonne, si accorsero come fossero diventate completamente nere. Più tardi giunse la notizia che i pisani, come spregio ai loro acerrimi nemici, la notte precedente avevano segretamente allestito un fuoco attorno ad esse, privandole così della loro originaria lucentezza.

La fuga del Duca di Aten

Al primo piano di palazzo Vecchio si trova un piccolo passaggio segreto che conduce ad una porticina in via della Ninna. La porta venne fatta edificare dal Duca d’Atene Gualtieri VI di Brienne, un nobile di origine francese inviato per risollevare la città da una profonda crisi economica.

Il Duca instaurò un regime dispotico e aprì una porticina da dove si accedeva ad una scala segreta: una via di fuga perfetta e veloce dai suoi appartamenti privati.La sua condotta tirannica spinse il popolo fiorentino alla rivolta: il Duca abbandonò Firenze nel 1343, fuggendo proprio dalla porticina in via della Ninna, da lui stesso costruita.

polaroid Firenze
Firenze

gallery foto gallery

Benvenuti nel mondo Costa - Parchi Edutainment

Vieni in Romagna
APT servizi

© 2015 Costa Edutainment S.p.a. - Tutti i diritti riservati - CF/P.IVA 03362540100 REA: GE-337946 - Capitale sociale: € 4.457.097,33 Note legali | Privacy | Tel.: +39.0541.736736 | Fax +39.0541.732203 | Credits